San Gimignano da scoprire

San Gimignano da scoprire

Tra luoghi sacri, spezie e paesaggi da fiaba

Piccola eppure così ricca di storia e di arte, San Gimignano è una meta favolosa o una deviazione irrinunciabile per i viaggiatori provenienti dai quattro angoli del mondo.

Se vi fermerete qualche giorno all’Hotel la Cisterna, vi daremo tutti i consigli per visitare ed esplorare al meglio tutto quello che c’è da vedere a San Gimignano.

Tutto quello che c’è da vedere a San Gimignano

Chiesa di Sant’Agostino

Vale la pena una visita a questa chiesa romanica, realizzata verso la fine del Duecento.

Alla facciata semplice e spoglia, si contrappone la bellezza artistica degli interni.

La Cappella del Beato Bartolo, i cui resti sono custoditi in un monumento marmoreo, è affrescata da Sebastiano Mainardi mentre i pavimenti sono opera del grande ceramista Andrea della Robbia.

Sull’altare maggiore si trova un’opera del Pollaiolo e la Cappella Maggiore è affrescata da Benozzo Gozzoli con stupendi soggetti tratti dalla vita di Sant’Agostino.

Duomo

La Collegiata di Santa Maria Assunta, più nota come Duomo di San Gimignano, fu consacrata nel 1148 e oggi conserva ancora gli straordinari affreschi della Scuola Senese con il Vecchio e il Nuovo Testamento, il Martirio di San Sebastiano di Benozzo Gozzoli e le statue in legno di Iacopo della Quercia.

La Cappella di Santa Fina, patrona della città, è un capolavoro del Rinascimento affrescata dal Ghirlandaio e da altri pittori minori.

Galleria Raffaele De Grada

Nell’Ex Conservatorio di Santa Chiara dove si trova la Spezieria, ha sede anche la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea Raffaele De Grada, dedicata all’omonimo pittore milanese che ha passato buona parte della sua vita proprio a San Gimignano.

La Galleria raccoglie sia le sue opere sia opere di altri grandi artisti, come Guttuso, Sassu, Fieschi e Cassinari.

Inoltre qui sono spesso allestite interessanti mostre dedicate a fotografi e artisti dell’Otto-Novecento.

Museo Archeologico

Il Museo si trova negli spazi condivisi con la Galleria e la Spezieria e riunisce reperti archeologici del territorio di San Gimignano che sono databili dal periodo etrusco al XVIII secolo.

Grazie ai reperti esposti, si può seguire l’evoluzione dei corredi da mensa e da cucina nelle epoche e approfondire la tecnica della lavorazione del vetro e della ceramica tipici di questa zona.

Museo Civico

Nell’antico palazzo comunale del 1200 sormontato dalla Torre Grossa oggi si trova la Pinacoteca, dove hanno trovato una casa capolavori indiscussi come l’Annunciazione di Filippino, una delle ultime opere del Pinturicchio, la Maestà di Lippo Menni e altre pitture di Benozzo Gozzoli.

La Sala Dante che ospita alcune delle opere d’arte prende il suo nome dal poeta toscano, che fu ospite qui durante il Medioevo.

Museo del Vino Vernaccia

Nella Villa della Rocca di Montestaffoli si trova il Museo dedicato ai grandi vini di San Gimignano, in primis la sua Vernaccia DOCG.

Una tappa irrinunciabile per chi vuole approfondire la storia e i sistemi di produzione del nostro vino, attraverso un’esperienza multisensoriale unica nel suo genere e, su richiesta, una vera e propria degustazione accompagnata da un esperto sommelier.

Museo della Tortura e della Pena di Morte

Sconsigliato a chi è facilmente suggestionabile è il Museo della Tortura e della Pena di Morte, che raccoglie una straordinaria collezione di arnesi, macchinari e strumenti originali utilizzati fin dall’antichità per torturare i colpevoli e le streghe.

Non potrete vedere altrove oggetti come la Cintura di Castità, la terribile Vergine di Norimberga, la Sedia Inquisitoria cosparsa di aculei e la Maschera d’Infamia.

Produzione dello Zafferano

Pochi sanno che San Gimignano fin dal 1100 è zona di produzione di zafferano purissimo.

Non sarà difficile individuare le fattorie del territorio che lo producono.

Qui potrete scoprire le tecniche di coltivazione dei fiori, vedere come viene realizzato il prodotto finito e magari degustarlo nelle migliori ricette toscane.

Rocca di Montestaffoli

Se la meravigliosa vista sui tetti e le colline senesi che si gode dalle camere dell’Hotel La Cisterna non basta, potete sempre venire sulla Rocca di Montestaffoli, una fortezza del 1353 che offre un bellissimo panorama sulla città e la campagna intorno.

Spezieria di Santa Fina

Alla Santa patrona della città è dedicata questa affascinante spezieria, un’antica farmacia del Cinquecento che ha mantenuto inalterato l’aspetto e le caratteristiche originali e che vi catapulterà indietro nei secoli.

Qui potrete vedere i grandi vasi di ceramica o vetro recanti scritte a mano, gli aromi, i medicinali e i medicamenti originali a base di olio di scorpione, mandragora e pietre preziose.

Affacciati da una delle nostre finestre

Scopri le nostre camere

Fatti ispirare dalla nostra cucina

Scopri il nostro Ristorante

Approfitta delle offerte

Scopri le nostre Offerte